Il M5S rifiuta la delega all'Ambiente e fa bene

Scritto da Martedì, 02 Giugno 2015 11:03

Neanche il tempo di essere proclamato nuovo presidente della Regione Puglia che Michele Emiliano propone al Movimento 5 Stelle l'Assessorato all'Ambiente del governo regionale.

Inutile dirlo, sul web si scatena la battaglia tra favorevoli e contrari. Io sono contrario. Per diversi motivi.

 

L'Ambiente è, certamente, tra le più scottanti deleghe della Regione: il caso Ilva, tra chiusura dell'acciaieria di Taranto (quindi migliaia di licenziamenti) e diritto alla vita, e il Tap, il gasdotto che preoccupa il Salento (ospiterà anche la centrale di depressurizzazione, due macchine termiche a gas della potenza di 3,5 megawatt, con due camini alti dieci metri per smaltire i fumi delle combustioni nelle campagne oltre al tubo nel mare). Questioni, quella dell'Ilva e del Tap, che, da mesi, sono oggetto principale della discussione e della proposta politica dei partiti e dei governi locali e quello di Renzi.

 

La proposta di Emiliano ai Cinque Stelle appare più una furbata: consegnare nelle mani dei pentastellati due patate bollentissime.

 

Non può trovare accoglimento anche per la questione degli 'impresentabili' scoppiata qualche giorno dopo la pubblicazione, da parte del Corriere della Sera, della lista dei nomi della Commissione Antimafia riferita ad alcuni candidati definiti, appunto, impresentabili, a causa dei loro problemi con la Giustizia. E Emiliano, purtroppo per lui, ha scoperto di averne uno.

 

La proposta di Emiliano non può essere accettata perché il Movimento 5 Stelle si è presentanto, agli elettori pugliesi, con un proprio programma, diverso ed alternativo a quello della coalizione che ha vinto le elezioni, ovvero quella del presidente eletto ieri. Emiliano, nelle settimane di campagna elettorale, ha messo su anche una sagra per definire e scrivere il proprio programma, tra l'altro molto partecipato e ricco di spunti arrivati direttamente dai territori.

 

Dunque non si capisce il perché, dopo tanto lavoro svolto dalla sua coalizione, Emiliano ha pensato 'male' di tirarsi dentro il governo regionale i grillini. Il dubbio, più che un dubbio, resta e si collega sempre più ad una furbata per smaltire 'patate bollenti' e depotenziare la minoranza. Opposizione che senza il Movimento 5 Stelle avrebbe ben poco da dire e da proporre, visto che, qualche eccezione va fatta, sono gli stessi che hanno consegnato, con la spaccatura del centrodestra, la Regione Puglia nelle mani di Michele Emiliano, eletto a larghissima maggioranza dai pugliesi che hanno premiato anche il suo programma che, in una qualche maniera, dovrà applicare. 

Ultima modifica il 02 Giu,2015
Vota questo articolo
(1 Vota)
Michele Gemma

Giornalista

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”