Sabato, 19 Luglio 2014 10:04

Manfredonia, Coppa Nevigata sarà finalmente accessibile

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Grazie ad una delibera di esproprio sarà accessibile uno dei siti archeologici più importanti del nostro territorio: Coppa Nevigata. La soddisfazione da parte del sindaco Riccardi: «Un luogo così affascinante non poteva rimanere proprietà di pochi, perché fa parte della storia dei nostri padri, che appartiene a tutti».

 

 

Posta all’altezza dell’antica foce del Candelaro, è stata la sede di insediamenti per molto tempo fino primo millennio a.C. Un villaggio fortificato che sorgeva ai margini della laguna, quando il mare si infilava all’interno e permetteva attività economiche legate alla raccolta di molluschi, alla caccia e agli scambi commerciali. Già da diversi anni l’Università la Sapienza di Roma, grazie ad una convenzione col Comune di Manfredonia, ha promosso campagne di scavo portando alla luce resti importanti per la storia del territorio.Il sito non poteva essere raggiunto e, quindi, visitato, perché il proprietario permetteva l’ingresso solo agli studiosi e agli archeologi e non ai visitatori.«Nei mesi scorsidichiara in una nota stampa il Sindaco Angelo Riccardisi sono avuti incontri tra l’Amministrazione e il proprietario al fine di pervenire all’acquisizione al patrimonio pubblico del sito e permetterne una fruizione sistematica».
Gli Uffici tecnici comunali hanno predisposto uno studio di fattibilità per la “Valorizzazione dell’area archeologica di Coppa Nevigata”, con due azioni fondamentali.

«La prima – continua il Sindaco - è l’individuazione di un percorso di accesso (con esproprio), la delimitazione e la perimetrazione dell’area archeologica con la sistemazione della zona di arrivo. La seconda è la predisposizione di tutte le informazioni necessarie per far conoscere la storia del sito e della comunità, che lo ha abitato con mappe e tabelle informative. L’iniziativa è sinergica con gli interventi recenti finanziati per S. Leonardo, Siponto, Ipogei e con gli altri interventi in atto della Pubblica Amministrazione. In questo modo le aree che circondano Manfredonia potranno arricchire notevolmente l’offerta di beni culturali per visitatori, studiosi, turisti».

Il sito è stato oggetto di campagne di scavi dell’équipe, guidata dal prof. Alberto Cazzella, che ha sistematicamente prodotto relazioni dettagliate sulle scoperte effettuate, che hanno permesso di ricavare un buon profilo del villaggio e delle usanze di suoi abitanti. Con le campagne del 2011 e del 2012 sono stati indagati diversi aspetti: l’area delle mura più antiche, risalenti alla metà del secondo millennio, quando il villaggio venne devastato da un incendio per motivi bellici, con il ritrovamento di pesi di bilance (segno di attività commerciali), punte di frecce di selce, piani cottura, forno da pane, bastioni e complesse trasformazioni difensive della metà del XV secolo, residui di murici risalenti all’età del Bronzo. E poi, molto importanti, dieci fosse cilindriche per la conservazione delle derrate alimentari. «Un luogo affascinante, conclude il Sindaco, che non poteva rimanere proprietà di pochi, perché fa parte della storia dei nostri padri, che appartiene a tutti».

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano